Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage_ITA Chi siamo Gianni Giatti Laura Benini Laura Bertazzoni Reportage Geografici Sociali Sociali_2 festival Multimedia Multivisioni Multivisioni disponibili Spettacoli Voci dal Deserto Mostre e volumi pubblicati Le mostre Mostre disponibili I volumi I progetti Emilia Romagna a New York Galleria espositiva e acquisti PHOTOGRAPHES AU MALI Former Factories Formazione Corsi Workshop Workshop2 Contatti e Collegamenti 

Geografici

Nel cuore del paese, l’Orissa è una regione la cui diversità non è sottolineata da nessun confine. Più forte delle frontiere, sono il difficile accesso alla zona, gli scarsi contatti fra gli insediamenti tribali delle colline e l’area agricola della costa. Poche le strade e molti i sentieri lungo i quali vivono e lavorano tribù i cui nomi cambiano nel giro di poche decine di chilometri e così i Bonda, i Gonda, i Gadaba, i Saura vivono da secoli.

Popoli dell'Orissa

Una casa nel Maine

Monaci del Myanmar

Il foliage, ovvero l'autunno nella regione più a nord degli Stati Uniti orientali. I colori dei boschi, i villaggi con il sapore di altri tempi affacciati sull'oceano.

E’ un’immagine tipica ed emblematica che sorprende e fa riflettere. Una lunga fila di persone avvolte in tuniche rosso cupo che, a capo chino e rigo-rosamente rasato, si snoda frettolosa lungo le strade cit-tadine. Così la polverosa griglia che forma la mono-tona e razionale urbanistica delle città birmane si co-lora di strisce rosse. Sono i mo-naci di ogni età, e il loro camminare, muto e composto va di pari passo al sorgere del sole.I Monaci del Myanmar, ogni mattina all’alba, in piccoli o grandi grup-pi, arrivano a piedi nudi in città dai con-venti dove vivono, in cerca di cibo e carità. La gente, tutta, ri-sponde come può al dettame della dot-trina buddista-the-ravada, e dona qualche cosa, riso o monete. Poi, entro le dieci, rientrano e collettivamente preparano e con-sumano il loro pasto, che deve avvenire assolutamente prima di mezzogiorno. A volte ricchi com-mercianti, anche stranieri, fanno grosse donazioni ai conventi e parteci-pano personalmente alla distribuzione dei beni regalati: saponi, quaderni, riso e an-cora riso.

Autunno in Finlandia

Gay Pride and New York

Nel 2011 lo stato di New York, grazie a una legge del go-vernatore Cuomo, approva i matrimoni tra persone dello stesso sesso. In poche parole è permesso agli omosessuali di formare una vera famiglia, con tutte le conseguenze sociali e giuridiche che ciò comporta. Il Il 24 giugno un'im-mensa folla par-tecipa al Gay Pride che finalmente, almeno in questo stato, può festeg-giare un risultato tanto ambito.

Pinchos a S.Sebastian

In tutta la Spagna le tapas sono un momento partico-lare della vita degli abitanti di questa nazione. A S.Sebastian assu-mono una veste di momento di vita so-ciale molto impor-tante e particolar-mente frequentato. I bar dei pinchos, come si chiamano qui, sono molto affollati e la varietà e la qualità dei cibi offerti attraggono non solo gli abitanti della città ma an-che i molti turisti arrivati per la Semana Granda.

Finlandia: il 9% del territorio è tutelato come riserva natu-rale e i parchi nazio-nali sono ben 35. Le sconfinate foreste, le centinai di laghi sono gli spettacolari ambienti naturali dove vivono gli alci, i lupi e soprattutto gli orsi, i principali soggetti per i foto-grafi naturalistici





cultura e ambiente

Copiright 2011 TerzoTropico. E' vietata la riproduzione anche parziale delle immagini e degli scritti

Associazione TerzoTropico